Bando ISI 2018 di INAIL. Contributi a fondo perduto per investimenti in sicurezza e macchinari

Scadenza: 30 maggio 2019
Pubblicato da INAIL il bando ISI 2018, che stanzia per l’anno 2019 circa 370 milioni di euro a sostegno delle realtà imprenditoriali che avvieranno progetti di rinnovamento, sostituzione o miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza per i lavoratori.
Il sostegno economico viene concesso attraverso la modalità del finanziamento in conto capitale (fondo perduto), e riconosce una quota percentuale delle spese documentate per l’attivazione di progetti che devono necessariamente fare riferimento a uno dei cinque assi di finanziamento per i quali è applicabile il beneficio economico.

Asse 1 mette a disposizione 182.308.344 euro a copertura del 65% delle spese documentate di progetti di investimento (asse 1.1) e di progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (asse 1.2) così suddivisi:

  • 180.308.344 euro per l’asse 1.1 con un finanziamento massimo erogabile di 130.000 euro e un finanziamento minimo di 5.000 euro;
  • 2 milioni di euro per l’asse 1.2, rivolto alle sole imprese con un massimo di 50 lavoratori per il quale non viene definito un limite minimo di finanziato.

Asse 2 mette a disposizione 45.000.000 euro a per i progetti specificamente rivolti alla riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi, uno dei principali fattori causa di malattie professionali. È rivolto alle imprese e agli enti in possesso dei requisiti del bando ubicate in Italia con l’esclusione delle aziende operanti nel settore della pesca e nel settore tessile e delle micro e piccole imprese agricole, per le quali sono previsti nello specifico gli assi 4 e 5.

Asse 3 mette a disposizione 97.417.862 euro a copertura dei costi per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto. Anche in questo caso sono escluse le micro e piccole imprese agricole.

Asse 4, rivolto invece esclusivamente alle micro e piccole imprese, mette a disposizione 10.000.000 di euro a sostegno di progetti attivati dalle tipologie di imprese escluse dai precedenti assi: Pesca (codice Ateco 2007 A03.1) settore Tessile-Confezione-Articoli in pelle e calzature (codici Ateco 2007 C13, C14 e C15). Per questo asse viene riconosciuto un finanziamento a fondo perduto a copertura del 65% delle spese ritenute ammissibili con un massimo erogabile pari a 50.000 euro e un pari a 2.000 Euro.

Asse 5 per il settore agricolo, mette a disposizione 35.000.000 euro a sostegno delle micro e piccole imprese agricole, anche individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli con un massimo finanziabile di 60.000 euro e un minimo di 1.000 euro.

Questo asse prevede la copertura del 40% a fondo perduto per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole) e del 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori).

Le domande saranno accolte in ordine di presentazione cronologica fino ad esaurimento dei fondi, in allineamento alla consueta modalità di presentazione a sportello. Le aziende interessate potranno accedere al portale a partire dall’11 aprile e fino al 30 maggio 2019, e precompilare la domanda effettuando diverse simulazioni rivolte a verificare il possesso dei requisiti minimi di accesso mediante la valorizzazione di un punteggio minimo.

Il 6 giugno 2019 download del codice identificativo e pubblicazione delle date per l’apertura dello sportello di presentazione definitiva della domanda (Click day).

 

Maggiori informazioni e modulistica

Scroll Up

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi nella nostra cookie policy. Cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi